mercoledì 27 Aprile 2016 ore 21.00

REPORTAGE CHERNOBYL

in collaborazione con ANPAS Bologna, in occasione del 30° Anniversario del disastro nucleare di Chernobyl

Babelia & C. Progetti Culturali

L’atomo e la vanga. La scienza e la terra

Spettacolo con Roberta Biagiarelli e la partecipazione straordinaria in video di Roberto Herlitzka

Le testimonianze sono tratte dal libro “Preghiera per Chernobyl” di Svetlana Aleksievic – Premio Nobel per la Letteratura 2015

Chernobyl è una storia dimenticata. Del destino delle persone, che hanno vissuto e che hanno subito le conseguenze dell’incidente,si sa molto poco.

Per la necessità di raccontare queste storie nasce questo spettacolo.

Chernobyl è una perfetta metafora del mondo che ci circonda, del rapporto spesso perverso che abbiamo con la tecnologia, della disinformazione di cui siamo vittime rispetto ai grandi disastri ambientali, del rapporto bulimico che spinge le società occidentali nel consumo di energia, è la lucida realtà del rapporto antico tra l’uomo e la scienza.

 

INGRESSO LIBERO E GRATUITO FINO AD ESAURIMENTO POSTI

Gradita la prenotazione

info e prenotazioni 051.6818942 (segreteria telefonica) oppure info@teatrobibiena.it

postcard_chernobyl1postcard_chernobyl2ottani


 

Stagione Teatrale 2015/2016

Se Stasera Sono Qui….

Se stasera sono qui…… è perché ti voglio bene

E’ il nostro teatro che ci incanta e ci parla ed arriva nelle vostre case a presentarvi in anteprima la stagione 2015/2016.

Una stagione che parla al nostro io più segreto e profondo, con ritmo e poesia, sempre fedele alla vocazione di questo spazio: innovativo senza ostentazione, ironico ma non goliardico, riflessivo e serio ma senza tristezza, poetico ma mai sdolcinato.

Ancora una volta, una stagione in cammino verso percorsi nuovi, ma con la consapevolezza della strada fatta fino ad ora.

Riconfermiamo la formula di stagione teatrale e musicale con due formule di abbonamento, prosa e musica per un totale di dieci spettacoli, oltre alla stagione dialettale.

Ad aprire la stagione del Bibiena sarà Massimo Cotto che, assieme a Cristina Donà, uno dei talenti più cristallini della scena musicale italiana, racconterà in parole e musica, aneddoti esilaranti o commoventi sulla storia del rock and roll, storie in cui sarà difficile distinguere tra verità e leggenda.

A seguire, per il programma di musica, Maldestro un giovane cantautore napoletano che ha fatto man bassa di premi: Premio Ciampi, Premio De André, SIAE, AFI e Musicultura 2014.

E ancora… la Barcelona Gipsy Klezmer Orchestra, una formazione internazionale con base a Barcellona, nota in tutto il mondo per il suo modo di esplorare le radici musicali, per le sue creazioni e per le performance dalla sbalorditiva personalità. Peppe Voltarelli, con un progetto speciale per festeggiare i 25 anni di carriera, sarà attore, musicista, interprete di uno spettacolo ideato e creato su misura per il palcoscenico del Bibiena. A chiudere il programma di musica una grande voce ed interprete di un mondo musicale vasto e colto, astro del jazz, della bossa nova e della musica leggera al femminile italiana: Simona Molinari. Sarà invece Giorgio Felicetti ad aprire il programma di prosa con Fisso Armonikos, uno spettacolo sulla passione e sull’umanità in cui non mancherà la musica dal vivo, eseguita dallo strumento più popolare e totale: la fisarmonica.

A seguire uno spettacolo di e con Giobbe Covatta, la Divina Commediola, in cui l’attore porta in scena un testo divertente, ma come sempre accade negli spettacoli del comico napoletano, dai temi e contenuti seri e drammatici. Tante facce nella memoria è uno spettacolo, per la regia di Francesca Comencini con Mia Benedetta, Bianca Nappi, Carlotta Natoli, Lunetta Savino, Simonetta Solder, Chiara Tomarelli ed affronta una delle pagine più drammatiche della nostra storia: sei racconti di donne, partigiane e non, che nel ’44 vissero l’eccidio delle Fosse Ardeatine.

Si torna a ridere, fino alle lacrime, con la Banda Osiris e lo spettacolo Il maschio è inutile, e con Guido Catalano, il poeta torinese capace di collezionare oltre centocinquanta reading all’anno in tutto il Paese, uno più affollato dell’altro.